Contatti: +39 (051) 09 57 200|info@cassero.it

banner

cultura

Il Cassero si impegna costantemente in tutte le tematiche che interessano la comunità LGBT – lotta all’omofobia ed alla transfobia, riconoscimento del matrimonio e delle adozioni per coppie omosessuali, dare possibilità di esprimersi, libertà di essere se stessi ed incoraggiando il coming out.

club

Il Cassero si colloca come punto di riferimento nell’intrattenimento notturno e diurno della comunità di giovani e meno giovani di Bologna e di tutta l’Emila Romagna, fornendo numerose opportunità per incontrarsi, divertirsi, festeggiare, ballare, fare nuove amicizie e tante tante conoscenze!

Ultimi Post

»
»
»
»

Prossimi Eventi

INDIElicious // iOTATOLA

lunedì 4 agosto | 21:00 - 23:30 | Club

banner-indieL-1

More Info >>> INDIElicious Rassegna Estiva

SUL PALCO:

iOTATOLA

iotatola

IOTATOLA nasce dopo la vittoria di SERENA GANCI a Musicultura 2010, nello stesso anno Serena Ganci e Simona Norato, che l’accompagna alla chitarra durante quest’avventura, decidono di creare il progetto

IOTATOLA(iodasola).

Nel 2011 pubblicano il primo disco

DIVENTO VIOLA

con Serena Dandini che le invita a “PARLA CON ME” per due puntate consecutive consacrando così l’inizio di un lungo tour Italiano.

Tra le altre partecipazioni:

Musicultura tour (con Paola Turci)

PREMIO TENCO 2011

ASIAGO LIVE (su Radio Rai)

PER FORTUNA CHE C’E’ RADIO DUE (condotto da Simone Cristicchi e Nino Frassica)

RADIODUE SOCIAL CLUB (condotto da Luca Barbarossa)

POP KOMM (Berlino)

ALIMENTATION GENERALE (Parigi)

VINCITRICI DEL PREMIO L’Artista che non c’era (Carroponte 2012)

APERTURA CONCERTI MAX GAZZE (Rock in Roma, Arezzo Wave, Carroponte)

COUS COUS FEST

Nel settembre del 2013 Simona Norato lascia il progetto e IOTATOLA diventa IODASOLA nelle persone di Serena Ganci e Maurizio Filardo.

www.lafabbrica.org

INDIElicious // OMOSUMO

martedì 26 agosto | 21:00 - 23:30 | Club

banner-indieL-1

More Info >>> INDIElicious Rassegna Estiva

SUL PALCO:

OMOSUMO

omosumo

Un combo giovane quello degli Omosumo, nato artisticamente nel 2012: Ci proveremo a non farci male è il primo loro EP ed è composto da 4 tracce di selvaggio entusiasmo e fragile bellezza. Li si riconosce subito agli Omosumo per il potente impatto sonoro, caratterizzato da schizzate ritmiche elettroniche su linee analogiche di basso, diabolici riff di chitarra sporcati da synth acid house e un vocalist fuorioso, sublime e irraggiungibile.

Nella loro musica risuonano elettronica krauta, Led Zeppelin, linee melodiche ispirate rispettosamente al qawwali di Nusrat Fateh Ali Khan, rock acido e psichedelico fino a flash di

Soulwax e Skrillex. Durante I concerti sono soliti suonare all'interno di un enorme acquario di plastica, sorprendendo il pubblico e trascinandolo, inevitabilmente, in un'esperienza psichedelica. Restii a mostrare i loro volti. Nelle poche foto in circolazione sono fuori fuoco come nei ritratti di Ringu. Ma dietro la sigla Omosumo si celano 3 brillanti menti musicali della Sicilia di oggi: l'eminenza grigia (e giovane talento dell'elettronica sicula) Angelo Sicurella, voce graffiante e graffiata dietro alle proprie drum machine; il chitarrismo granitico di Roberto Cammarata, già espresso ampiamente coi suoi Waines; le linee di basso elastiche e poderose di un Antonio Di Martino, dai più conosciuto come Dimartino, che si avventura qui in territori distanti dalla propria amata forma canzone con risultati esaltanti.

Me è il suono a fare degli Omosumo un'esperienza uditiva destinata a durare nel tempo. E il suono dell'album è forgiato da un fabbro acustico particolarissimo, quel Mario J. McNulty che ha messo mano agli Omosumo appena terminato di lavorare al recentissimo “The next day” di David Bowie: tra le tante altre collaborazioni del giovane talento newyorkese si ricordano Philip Glass (Naqoyqatsi, "The Hours", "La Belle et la Bete"), Matmos ("The Rose Has Teeth In The Mouth Of A Beast"), Angelique Kidjo (un Grammy Award vinto nel 2008 per il suo lavoro sull'album "Djin Djin") o band di riferimento per gli Omosumo come i NIN di Trent Reznor, per i quali ha forgiato il suono live della loro tournèe 2009.

www.omosumo.com

 

INDIElicious // SiN/COS + Twin Room

giovedì 4 settembre | 21:00 - 23:30 | Club

banner-indieL-1

More Info >>> INDIElicious Rassegna Estiva

SUL PALCO:

SiN/COS

sincosDopo una lunga pausa riflessiva, all’interno della quale ha avuto modo di perfezionare la propria arte culinaria, Maolo Torreggiani (My Awesome Mixtape, Quakers and Mormons) torna alla musica col suo nuovo progetto SIN / COS e l’album PARALALLELOGRAMS, in uscita il 19 febbraio per la propria Anemic Dracula in cordata con Sangue Disken e Collettivo HMCF.

Essere Maolo Torreggiani non deve essere facile. Portatore sano di iperattività creativo-musicale, comincia il suo percorso musicale al liceo, fondando il gruppo emo post-rock Non Compliant Cardia. Finiti gli anni delle interrogazioni di latino e filosofia si lancia immediatamente in un altro fortunato progetto musicale, fondando i My Awesome Mixtape, che lo porta nel giro di un paio di anni a fare più di 400 date tra l’Italia e l’Europa, fino ad arrivare a New York, con la vincita del contest indetto da Mtv. Chiusa l’avventurosa parentesi M.A.M, si apre il capitolo Quakers and Mormons, Hip-hop insolito, scuro, claustrofobico. Un lavoro complesso e maturo. Oggi, deciso a mettersi sempre in gioco, accompagnato da Vittorio Marchetti (Altre di b, Obagevi, osc2x) torna in scena con il nuovo progetto sin / cos: una sinergia perfetta tra elettronica-pop, soul e r’n'b.

Ma la musica non è tutto, ed è per questo che l’eclettico e dinamico Maolo parallelamente ai diversi progetti sonori coltiva costantemente la passione per la cucina, vocazione, questa, che ben presto si concretizza in lavoro. Svariati catering per Estragon, Locomotiv, Karemaski e Interzona, capo cuoco all’Hanabi di Marina di Ravenna e attualmente capo cuoco a Camera A Sud di Bologna, sono solo alcune delle attività che nel corso degli anni ha svolto con creatività e competenza.

Ma non è finita qui. Affascinato da sempre al mondo del cinema, affronta con curiosità e sensibilità la sonorizzazione di film muti. Riassumendo: dieci anni trascorsi, svariati progetti musicali, sei dischi, centinaia di date, migliaia di km macinati in lungo e largo, cucina e cinema. Sì, un classico esempio di iperattività creativa.

Insomma, come dicevamo essere Maolo Torreggiani deve essere dannatamente difficile, ma ciò non toglie che di menti così creative, curiose e fervide, oggi più che mai è solo una grandissima fortuna averle tra noi.

PARALLELOGRAMS è un diario personale di avvenimenti realmente vissuti. E si sa, tutte le storie hanno un inizio e una fine, e anche questo racconto con le sue 12 tracce vuole tracciare il percorso di una storia partendo dalla sua chiusura. Riviverne i momenti, descrivendone ogni piccola sensazione in maniera fotografica, imprimerla e fissarla con veemenza per non lasciarla andare via. È nella complicata geometria di un rapporto intimo e personale che si scopre la sua più alta forma di bellezza, ed è proprio su questi piccoli “punti” che si chiudono le linee portanti dell’album.

Il disco vede la preziosa co-produzione di Lorenzo Nada aka Godblesscomputers; in due brani (“Armanian” e “Dropping”) emerge la delicata voce di Laura Loriga (Mimes of Wine).

www.sincosmusic.com

TWIN ROOM

twin

HINT - Luca (Fitness Pump, Swim, Not an Exit) imbastisce i pezzi al computer; Bart (Cosmetic) ci canta sopra. Ma il grosso del lavoro è fatto a quattro mani, le strutture cambiano ed evolvono, i testi passano da uno all'altro, le linee melodiche si correggono assieme.

L'album HINT (data di uscita 18/02/2014) è figlio di circa un anno di questo processo, ma con la sfida in mente di dare una forma "album" al lavoro, di sviluppare un discorso coerente a partire dal concetto di "cassa+nebbia" che era stato l'incipit. Il disco racchiude innumerevoli influenze, dall'elettronica più calda allo shoegaze, rintracciabili in brani anche sensibilmente diversi fra loro, ma si pone un unico scopo: quello di affacciarsi al mondo con lo sguardo del pop. Un album da ascoltare ma anche da ballare: magari con un cappuccio in testa, sorridendo mentre nessuno ci vede.

BIO - Twin Room sono due amici nati negli anni 80 che hanno sempre avuto le mani in pasta nella musica. Luca comincia alle medie coi campionatori. Bart strimpella rock con assiduità dalle superiori. E’però il 2012 che li vede cominciare a lavorare assieme. Cominciano a condividere bozze di brani quasi per scherzo e dopo pochi mesi si trovano ad esordire col nome Twin Room, che rappresenta esattamente quello che sono: una stanza doppia, ma con letti separati, una esperienza unica con due background molto diversi.

Con la pubblicazione nell’Agosto 2012 dell'ep Boda in free-download si buttano così in pasto al mercato dell'electro, sottosezione "chill - wave - emo - hop". Nell'Agosto del 2013 pubblicano due inediti nel singolo Mathia’s Summer, sempre in free download, e iniziano una costante attività live dal sud al nord Italia.

             

Servizi