DONA UN FUTURO AL CASSERO

DONA UN FUTURO AL CASSERO

CLICCA QUI PER PARTECIPARE ALLA CAMPAGNA
Il Cassero LGBTI Center ha bisogno di te!

Dal 1982 lottiamo per i diritti delle persone lesbiche gay bisessuali e trans realizzando progetti contro le discriminazioni: nelle scuole, negli spazi culturali, nei luoghi di lavoro e di intrattenimento.

Molti di voi ci conoscono come una discoteca: forse siete tra le migliaia di persone che ogni anno partecipano alle nostre serate e ai nostri eventi. Qui da noi vi siete divertite, avete conosciuto persone speciali e vissuto momenti indimenticabili.

Tante altre di voi hanno attraversato il Cassero grazie al volontariato, ai suoi servizi come lo sportello Giuridico, il Telefono Amico, il Centro di Documentazione, Cassero Scuola e Cassero Salute. Oppure grazie ai nostri gruppi d’incontro come la Gilda, Cassero Giovani, Senior e Liberamente. Insieme abbiamo costruito in quasi 40 anni un laboratorio politico unico in Italia, un centro di produzione culturale e una comunità accogliente.

Ora abbiamo bisogno dell’aiuto di tutte voi.

L’emergenza COVID-19 ci ha colpite duramente: da febbraio la musica ha smesso di suonare, le luci colorate si sono spente e le porte della discoteca sono rimaste chiuse, fermando il motore economico che permette al nostro circolo di finanziare i suoi progetti. 

Per ricostruire insieme il futuro del Cassero abbiamo bisogno del vostro aiuto per coprire i costi delle nostre attività e gli stipendi del personale fino alla riapertura della nostra discoteca. Raccogliendo 10mila euro ci consentirete di restare aperte quest’estate, con 20mila euro arriviamo fino a ottobre, con 30mila fino alla fine dell’anno. Dipende tutto da voi.

Pensate alle notti passate insieme ballando, ai Pride sotto il sole e a quelli sotto la grandine, ai film e agli spettacoli visti a Gender Bender Festival, ai poster della Falla appesi alle pareti: oggi sei tu a scegliere se far continuare questa storia.

Il tuo sostegno può salvare un pezzo di futuro che appartiene a tutta la comunità, non solo quella LGBTI+.

FacebooktwittermailFacebooktwittermail